GLI AGGETTIVI POSSESSIVI. Ricordati l’articolo (quasi sempre serve)

Ciao!
Contrariamente a quello che succede in altre lingue, nell’italiano prima dell’aggettivo possessivo ci vuole quali sempre l’articolo, oppure una preposizione articolata.
Se nella prima lingua dello studente – e magari in altre lingue che lo studente parla – l’aggettivo possessivo non è preceduto dall’articolo, ecco che è facile dimenticarsi di inserirlo. È un errore tipico.
Suggerisco di memorizzare i vari aggettivi possessivi con l’articolo determinativo abbinato.
Non sempre l’articolo ci vuole. Esistono delle eccezioni e poi l’articolo non è da mettere con i membri della famiglia al singolare.
Esempi:
mia madre
tuo padre
suo figlio
suo nipote
tuo zio
mia moglie
ecc.
Al plurale, i membri della famiglia richiedono l’articolo. Esempio: “le mie sorelle”.
Se i membri della famiglia sono indicati con un diminutivo o accrescitivo (“il mio fratellone”, “la mia sorellina”…), l’articolo è necessario.

Buona visione
CIAO!
Roberto.
Un Italiano Vero – Lezioni di lingua italiana
– – –
Donazioni: bit.ly/support-UIV

Per contattarmi:
Whatsapp/Telegram +393475151219
unitalianoverob@gmail.com
skype: unitalianoverob

 

io DIGIUNO / HO DIGIUNATO

Molti studenti digiunano, ma non tutti conoscono questo verbo.
Se io DIGIUNO, non mangio e spesso non bevo nemmeno. I motivi possono essere diversi, questo verbo si usa per i tanti tipi di digiuno.

Buona visione
CIAO!
Roberto.
Un Italiano Vero – Lezioni di lingua italiana

– – –
Donazioni: bit.ly/support-UIV

Per contattarmi:
Whatsapp/Telegram +393475151219
unitalianoverob@gmail.com
skype: unitalianoverob

“Come faccio a imparare l’italiano?” (Non ho formule magiche)

In queste “quattro chiacchiere” tento di rispondere a una domanda ricorrente dei miei studenti: “Come faccio a imparare l’italiano?”. O anche: “Come faccio a praticare l’italiano?”.
L’ho scritto nel titolo, lo ripeto qui: non ho formule magiche e forse non ce ne sono. Magico è il percorso di apprendimento di una lingua, fatto di miglioramenti quotidiani, di errori che insegnano, di una lingua che, da suoni e parole e lettere e regole e grammatica, diventa sguardi, sorrisi, incontri, emozioni.
I maestri da avere al proprio fianco, a cui rubare i segreti? I bambini! Loro imparano una lingua, anche se nessuno gliela insegna.

Buona visione
CIAO!
Roberto.
Un Italiano Vero – Lezioni di lingua italiana

– – –
Donazioni: bit.ly/support-UIV

 

Per contattarmi:
Whatsapp/Telegram +393475151219
unitalianoverob@gmail.com
skype: unitalianoverob